Catalogo

Gli ungulati selvatici in Liguria

Andrea Marsan

Collana: Dimensione Liguria
Formato: 24x22
Pagine: 176
Immagini: 120 colore
Codice ISBN: 978-88-96348-02-4
Prezzo: € 28.00 24.00


Ritorna al catalogo


Aggiungi al carrello


Il volume fa parte di una collana, intitolata Dimensione Liguria, avente ad oggetto fauna, flora, paesaggi, ambienti ed architetture della Liguria. Si tratta della collana di punta della casa editrice, di formato grande ed elegante, volta a far conoscere e comprendere ad un ampio pubblico il prezioso patrimonio faunistico, naturalistico ed artistico presente in Liguria al fine di una sua corretta conservazione, gestione e valorizzazione. La collana è composta da pubblicazioni monotematiche di elevato rigore scientifico ma di impostazione divulgativa e di agevole lettura, corredate da un’ampia documentazione fotografica inedita di elevatissima qualità che ne garantisce un forte impatto visivo.

Nel testo vengono descritte le caratteristiche dei principali ungulati presenti in Liguria (cinghiale, capriolo, camoscio, daino, cervo etc.), la loro presenza e diffusione nonchè le loro abitudini comportamentali; vengono quindi esaminate le più rilevanti problematiche relative alla interazione tra la presenza di tali ungulati e la sempre maggior urbanizzazione e presenza dell’uomo in alcune zone, a fronte invece, specie in periodi meno recenti e nelle zone collinari e dell’entroterra, di un consistente spopolamento delle campagne con correlativo aumento dei selvatici. Infine, vengono formulate proposte gestionali, riferite in particolar modo al territorio ligure, per il mantenimento di questi precari equilibri.
Andrea Marsan vive a Genova, dove nel 1985 si è laureato in Scienze Biologiche. La sua attività di zoologo è principalmente legata alla conservazione e alla gestione della fauna selvatica, soprattutto con riferimento ai grandi mammiferi. Presta la sua opera presso Parchi nazionali e regionali, dove svolge attività di salvaguardia delle residue attività agricole dai danni prodotti dal cinghiale, mentre per il restante territorio i suoi studi ed i suoi interventi sono riferiti principalmente al daino e al capriolo e alla loro gestione conservativa. Da quasi venticinque anni collabora con l’Università di Genova per la quale svolge ricerche sui mammiferi selvatici e dove insegna “Zoologia applicata in ambiente terrestre”.
Naturalisti, appassionati faunistici, fotografi e escursionistii.